Groppone Rosso Lutino

In questo articolo analizzeremo il fattore INO nel parrocchetto dal groppone rosso mutazione sesso-legata, questo termine genetico indica il tipo di trasmissione ereditaria della suddetta mutazione. Questa mutazione infatti può essere trasmessa sia direttamente (ovvero con soggetto
mutato) sia indirettamente (con soggetto portatore) ESCLUSIVAMENTE da soggetti di sesso maschile, quindi se per casualità possedessi una femmina mutata cosa otterrei? Di seguito riporto degli schemi di accoppiamento in modo da chiarire i risultati ottenibili da le più comuni tipologie di accoppiamento.

Per maggiore chiarezza questo simbolo / indica il portatore di una mutazione.

Maschio Lutino x femmina Lutina = 100% prole lutina
Maschio lutino x femmina ancestrale = maschi ancestrali/lutino e femmine lutine
Maschio ancestrale x femmina lutina = maschi ancestrali/ lutino e femmine ancestrali
Maschio ancestrale/lutino x femmina lutina = maschi e femmine lutini e maschi ancestrali/lutino
Caratteristiche razziali Maschio: becco carnicino maschera facciale bianco
latte ampia a superamento della parte posteriore dell’occhio, occhio rosso rubino, le ali si presentano bianco candido con presenza di marcatura alare
colore oro stesso dicasi per la coda che non deve presentare soffusioni gialle o marroncine, la groppa si presenta di color rosso vermiglio nella parte alta mentre nella zona superiore la coda diviene color giallo oro questo stesso colore è interamente presente nella zona del petto dove il soggetto è interamente color oro senza alcuna infil trazione di alcun altra colorazione, zampe eunghie si presentano di color carnicino.
Femmina: il soggetto tipico si presenta con una calotta color bianco tenue con remigranti e penne della coda interamente color bianco candido senza alcuna doratura e soffusione di color alcuno, il becco è carnicino e l’occhio rosso rubino ,il corpo nella zona ventrale e alare è color giallo oro con una particolare accentuazione nella zona del groppo ne dove il colore giallo risulta particolarmente marcato ,zampe e unghie si presentano color carnicino, una nota va segnalata in alcune femmine posso presentarsi alcune piume color rosso nel groppone tale infiltrazione di colore selettivamente ed espositivamente viene considerata come un difetto di penalizzazione del soggetto.
Per esperienza diretta in anni di allevamento sconsiglio vivamente di accoppiare in purezza i lutini in quanto tale accoppiamento porta ad un indebolimento del ceppo soprattutto strutturale, utilizzando l’ancestrale si migliora non solo la taglia dei soggetti ma anche la nitidezza della maschera facciale la quale in virtù della mutazione deve essere il più bianca possibile cosi come le ali e la coda che devono presentarsi bianco candido e non con soffusioni giallastre o peggio ancora marroncine indice di inquinamento del ceppo da parte di un’altra mutazione sesso legata il cannella la quale combinata con un ceppo di lutini ne distrugge letteralmente i pregi selettivi rendendo vani i sacrifici dell’allevatore.


femmina lutina a sinistra – maschio cinnamon-ino a destra notare le differenze nel colore delle penne rimigranti

Un ulteriore consiglio che mi sento di dare è di utilizzare maschi ancestrali con una maschera azzurra particolarmente ampia tale pregio permette di aumentare l’estensione del bianco facciale e maggiore è la nitidezza dell’azzurro maggiore sarà la purezza del bianco nei propri lutini ottenuti da simili ancestrali.

I sessi come negli ancestrali si distinguono agevolmente già dall’impiumo dei pulli in quanto i maschi presentano la caratteristica groppa rosso sangue
Un ultima nota, alcune volte potrebbe capitarvi di imbattervi in soggetti con marcatura alare rosso sangue ,tali soggetti sono inevitabilmente da scartare se siete intenzionati a selezionare lutini puri in quanto sono animali portatori di opale mutazione che presenta come caratteristica la trasformazione del caratteristico marchio alare giallo in un rosso vermiglio il quale se siete intenzionati a partecipare a mostre ornitologiche è un gravissimo
difetto di colorazione nella mutazione lutino.

Articolo di Davide Isoardi